Focus.it Tessuti ecobio e tinture naturali, così nasce la moda green

Pubblicato: 03/10/2016 12:46:48
Categoria: Press/Parlano di noi

Roma, 15 gen. (AdnKronos) - Biologici come cotone, seta, lino o lana; ecologici come canapa, bambù, fibra di latte e di soia; e tinture naturali. Per una moda ecofriendly. Così ha pensato e realizzato la sua linea di abbigliamento Manuela De Sanctis, romana di 35 anni. Si chiama 'Rétro - eco à porter' e propone collezioni stagionali, evergreen ed eco lingerie "dalla piccola impronta ecologica e dalla storia trasparente".

 

Formata all’Accademia di costume e di moda di Roma, Manuela ha deciso, dopo un’esperienza professionale nel settore, di unire lavoro e interessi in un marchio di moda. "Volevo fare una linea mia che avesse dei principi. Mi sono orientata verso i tessuti ecologici e biologici perché ritenevo questo il modo più giusto di produrre abbigliamento", racconta all’Adnkronos la creatrice del brand, nato nel 2010.

 

"Così disegno e produco abbigliamento con tessuti ecologici e biologici: quelli bio, cioè cotone, seta, lino o lana, sono frutto di una produzione che si basa sugli stessi standard dell’agricoltura e degli allevamenti biologici. I tessuti ecologici sono quelli a basso impatto ambientale: canapa, fibra di latte, di soia, bambù", spiega.

 

Risultato: una linea con pezzi classici che la stilista ripropone con colori e tessuti diversi ma anche capi più 'trendy'. "Faccio le cartelle colori stagionali seguendo le tendenze - spiega la designer - ma cerco di fare anche un prodotto durevole nel tempo, classico, che possa essere riutilizzato tranquillamente, senza una vera e propria stagionalità. Come due modelli di maglia che ho presentato sia in inverno che in estate con diversi tessuti e colori. Poi cerco il pezzo più modaiolo o ispirato agli anni ’60, come il cappottino Mirto". Il tutto con un carattere, appunto, 'Rétro' perché "facciamo abbigliamento moderno attingendo ai metodi di un tempo".

 

La vendita avviene sul sito web, nei negozi specializzati in abbigliamento ecobio in Italia e ora anche in un punto vendita di una ragazza romana a Londra. "C’è adesso il nuovo progetto sulla biancheria intima in cotone biologico, certificata Icea. Con il quale ho vinto il bando di concorso della Regione Lazio per l’imprenditoria femminile nel 2014 - dice Manuela - Sto mandando gli ultimi campioni, per fine febbraio sarà pronto. E su Indiegogo partirà una campagna di crowdfunding".

 

Attenzione a forma e sostanza, dunque, in tutto il processo di produzione. La giovane stilista si rifornisce da piccoli tessitori italiani e per metraggi più ridotti anche in Germania. Per la realizzazione si avvale di laboratori che danno forma agli abiti di Rétro. "Vendo un prodotto di moda che ha anche un background di trasparenza", chiarisce. Insomma, la designer ha scelto di fare a modo suo: tessuti biologici ed ecofriendly, tinture atossiche, manifattura artigianale, personalizzazione del capo, cartellini in carta riciclata etichette in cotone. Tutto per una moda amica dell'ambiente.

Vedi l'articolo su FOCUS.IT

Condividi